Pages

Friday, March 20, 2009

Papal Medals

There is a very interesting website on the arcane subject of Papal Medals

The medals are works of art in their own right.

They are also fascinating from the historical point of view. They show contemporary portraits of the popes from 1268 to date.

Further, some of the medals were struck to commemorate events now long forgotten. They provide an insight as to what the Popes at the time thought were the important events of their pontificate.

Below are two medals: both from two very different pontificates; Pope Clement XII and Pope John XXIII. One commemorates the beatification of Gregory Barbadigo; the other his canonisation centuries later. Both pontiffs obviously thought greatly of this particular saint. The Popes obviously regarded these events as important events in their pontificates.





Obv.:CLEMENS • XIII P • M • A • III
Bust of the pope, CLEMENT XIII (July 6, 1758 — February 2, 1769), wearing Tiara and cope


Rev.:GREGORIO BARBADICO
S•R•E•CARDINALI TE EPISC: PATAVINO
IN•ALBVM•BEATOR RELATO
Inscription, surrounded by a wreath, naming Cardinal Gregory Barbadigo of Pavia (1625-1697) to the rank of Blessed. He was made a Saint by John XXIII in 1960.



Obv. IOANNES • XXIII • PONT • MAX • AN • III •
Bust of Blessed Pope John XXIII (October 28, 1958 — June 3, 1963), wearing camauro, mozzetta and stole.

Rev. SANCTVS • GREGORIVS • BARBADICVS
(in exergue:) 26-V AN • D • MCMLX
St. Gregory Barbadigo, seated in his library, working on a manuscript.
He was canonised by Pope John XXIII on May 26, 1960



The St. Patrick Catholic Church website on saints says of St Gregory Barbarigo:

"Gregory Barbarigo (Barbadigo) B (AC)
Born in Venice, Italy, 1625; died June 15, 1697; beatified in 1761; canonized in 1960.

When Saint Gregory was born into a noble family, Protestants and Catholics in Europe had been waging a vicious war against each other for seven years--the start of the Thirty Years War. He was educated at Venice.

Gregory was in his early twenties when the Venetian government chose him to go with their ambassador, Luigi Contarini, to Münster, Germany, where in 1648 the Treaty of Westphalia was drawn up to establish peace. At the conference was the papal representative, Fabio Chigi. He found Gregory to be a quite exceptional young man, and they became friends. Gregory was ordained priest in 1655 and worked heroically during the plague of 1657.

When Fabio Chigi was consecrated Pope Alexander VII, he did not forget the impression the Venetian had made at Münster: he consecrated Gregory bishop of Bergamo. Three years later (1660) he named him cardinal and then, in 1664, bishop of Padua--an office he held for 33 years.

Gregory was equally distinguished as a churchman and as a statesman. He set about improving the training of the clergy, endowing an excellent college and seminary for them, building its fine patristic library, setting up its own printing press, appointing teachers who knew the writings of the Church Fathers and who were devoted to sacred Scripture. Some of the works published on his press were distributed to Christians in Islamic countries. His charities were on a princely scale (he is said to have given at least 8,000 crowns in charity), and his benefactions to Padua numerous and lasting. He was an earnest worker for the reconciliation of the dissident Greeks.

Gregory's pastoral commitment was comparable to that of Saint Charles Borromeo. While very demanding of himself, he was kind to others, treating those in trouble with great compassion. As a cardinal, he participated in five conclaves and was himself considered a serious candidate for the papacy. He was buried in Padua cathedral (Bentley, Benedictines, Farmer, White). "


The official Vatican website gives the address of Pope John XXIII on 26th May 1960 to pilgrims gathered in the Congress for the canonisation of Blessed Gregory Barbarigo in Rome

It is a lengthy address. Unfortunately it is only in Italian and Spanish.

There is no doubt about the admiration of Pope John XXIII for St Gregory. The comparison with St Charles Borromeo is explicit.

In particular, Pope John XXIII commented on four particular features of the Saint Bishop:

1. Care for the poor
2. The catechesis of the people
3. Concern for and strengthening of Seminaries and the clergy
4. Concern for the development of good Catholic culture.

Throughout the talk, the admiration of Pope John XXIII for the Bishop and for following the canons promulgated by the Council of Trent is evident.

"La presenza di tutti i parroci di Padova al rito della Canonizzazione di Gregorio Barbarigo è in proposito assai significativa. Essa è la conclamazione dei pastori di anime a diretto contatto col popolo, esaltante nel nuovo Santo la figura del pastore saggio, prudente divinatore di tempi e di metodi per il trionfo del Regno di Dio nelle coscienze dei singoli, nelle famiglie e nei popoli.

In ogni epoca la Chiesa si tiene applicata al compito suo, che è di aiutare l'uomo a rendersi consapevole della sua terrena ed eterna vocazione; ad apprezzare nella giusta collocazione gerarchica i doni della Provvidenza; ad usare rettamente della libertà; a posporre l'interesse e i capricci personali alla fedeltà ai principii ed al servizio del prossimo.

Diletti parroci e sacerdoti! In ogni circostanza della vostra vita spesso difficile, talora spinosa, volgete lo sguardo alle figure austere dei grandi vescovi della Chiesa di tutti i secoli, dell'oriente e dell'occidente, delle antiche cristianità e delle nuovissime fiorenti diocesi che coronarono il servizio missionario dei tempi moderni.

Sotto aspetti diversi troverete in ciascuno la stessa linfa purissima che alimentò le sollecitudini pastorali di S. Gregorio Barbarigo.

La carità ai poveri, l'insegnamento della dottrina, la coltivazione delle vocazioni, l'onore reso al folgoreggiare della cultura bastano alla gloria di un pastore; assicurano il successo dell'apostolato in ogni tempo ed in ogni luogo."

The canonisation of St Gregory took place in the Basilica of St John Lateran in Rome on The Feast of the Ascension on 26th May 1960.

The homily of Pope John XXIII on that occasion is also on the Vatican website: again only in Italian and Spanish.

Of his lengthy homily, one third is devoted to the canonisation and life of St Gregory.

He described the saint`s life and career as an example for the present generation and for the future, notwithstanding that it was nearly three centuries since the death of the saint.

He described him as a " modern prelate": "modern" in the proper and correct use of the term.

He was a model in the application of the post-tridentine legislation. His thirty three years in the episcopate led to an abundance of riches for the Church: its ecclesiaistical institutions, culture, of aid and assitance, of apostolates, all of which endured over the centuries.

He was a man of great learning in the sciences, culture, languages. Beneath the modernity, lay the most exquisite, most pure and authentic holiness. He combined the innocence and enthusiasm of the newly baptised with the experience of many years`practice in the exercise of his clerical duties.

"Erano infatti: una fede in lui che lo mise in guardia dalle sottigliezze del quietismo e del gallicanesimo; una confidenza in Dio che gli rendeva familiare come palpito l'elevarsi continuato del suo spirito in Gesù, con continuate giaculatorie come dardi d'amore; una fortezza imperterrita, in circostanze angosciose, che gli fece dire col pugno serrato sul petto: color di porpora, color di sangue: e questo vi dica, che per la giustizia e per il buon diritto di Dio io sono disposto a sacrificare la mia vita; una carità fiammeggiante di padre e di pastore estesa alle forme molteplici e più varie della dedizione di un gran cuore di uomo insigne e di sacerdote venerabile.

La carità è la essenza della santità, e della carità di S. Gregorio Barbarigo intendiamo rendervi, diletti Fratelli e figliuoli, ancora una testimonianza stasera presso la tomba di S. Pietro.

Volgendo ora verso la fine queste Nostre semplici parole, ed ancora allietandoCi del misterioso e mistico avvenimento a cui esse pongono un sigillo che si aggiunge ai parecchi altri, manoscritti od ufficiali di questi giorni, è nuovo e legittimo motivo di compiacimento il veder applicato a S. Gregorio Barbarigo, quanto, secondo la buona dottrina fissata da Papa Benedetto XIV nella sua opera De Servorum Dei Beatificatione, libro IV, e. 41, n. 1, renda onore ai Santi di Dio proclamati tali sotto questo nome ed in virtù di Canonizzazione equipollente: per quam Summus Pontifex, aliquem Dei Servum in antiqua cultus possessione existentem et de cuius heroicis virtutibus aut martyrio, et miraculis constans est, historicorum fide dignorum, communis assentio, et continuata prodigiorum fama non deficit, iubet in universa Ecclesia coli per Officii et Missae recitationem et celebrationem, determinato aliquo die, etc....

Il nostro Santo entra così in pieno nella luce ed applicazione di questa dottrina. E noi amiamo felicitarCi devotamente con lui scorgendolo elevato dalla Santa Chiesa al posto suo: stantem ante thronum, et in conspectu Agni, amictum stola alba, et palma in manibus eius .

A più ampio contorno di festosa letizia, amiamo indicarvi, dilettissimi nostri Fratelli e figli, la singolare e bella corona di anime elettissime che, secondo la testimonianza di Papa Benedetto XIV, ebbero l'onore e il titolo della canonizzazione equipollente, come questa odierna del nostro Santo Gregorio Barbarigo....

[D]el Seminario Patavino è la sua massima gloria; ma è ancora un invito alla ricerca più profonda del tesoro di preziose energie e di eccelse virtù a cui la proclamazione della sua santità apre la via.

Durante il suo episcopato S. Gregorio Barbarigo studiò e vide tutto con grandezza di proporzioni. A due secoli dalla sua beatificazione dei 1761, a oltre tre secoli dalla sua vita operosa e gloriosa, quelle proporzioni nei riguardi delle lotte e delle vittorie della S. Chiesa si sono dilatate: dilatate nel senso di una comprensione più viva delle grandi esigenze che l'esercizio della vita del cristiano oggi ci presenta non a depressione, ma ad incoraggiamento dello spirito.

Tra gli scritti inediti di S. Gregorio Barbarigo vi sono tracce dei suoi discorsi pronunciati così a Bergamo, come a Padova nella festa della Ascensione. Nella loro semplicità esse sono tutte spiranti elevazioni dello spirito, e grande incoraggiamento a staccarci dalle vanità della terra, e a rettificare le grandi e le piccole intenzioni della nostra vita quotidiana.

A ciò deve muoverci tutti il grande esempio che S. Gregorio ci dà nei settantadue anni della sua vita di perfezione sacerdotale ed episcopale; e la purissima cristiana dottrina che egli trasmise fedelmente ai suoi figlioli.

Grande ricchezza del cristiano il non accontentarsi solamente dell'esercizio delle virtù morali; ma il dare a tutte le proprie azioni grazia di unione con Cristo e partecipazione viva della grazia sua.

La virtù è così bella — diceva il Santo — che invita tutti a seguirla, e a drizzare le proprie azioni a lei. Così operarono tanti gentili virtuosi; così operano ancora molti tra i cristiani, chi servendo la patria, chi esercitando la giustizia, chi vivendo vita temperante. Né si può dire che vivano male, nè vengano le loro azioni non approvate da Dio, il quale riconosce per care sue figliole tutte le virtù. Approvate dunque, ma non premiate di vita eterna. Dico non premiate di vita eterna, perchè sono premiate di cose temporali, come successe ai Romani antichi, i quali furono favoriti da Dio di essere i padroni del mondo per le varie virtù che ebbero ed esercitarono.

Alla sola purità di intenzione è riservato il premio della vita eterna. E questa consiste in cosa tanto ragionevole e giusta che è di fare ogni nostra azione per dar gusto a Dio, per servire Dio. Oh! che grande consolazione nelle parole di S. Paolo: Sive manducatis, sive bibitis, sive aliud quid facitis, omnia in gloriane. Dei tacite

Queste cose S. Gregorio le diceva ai suoi figlioli; ed altre ed altre più semplici e vivaci ancora, a loro correzione, a loro edificazione."